• Email: comitato@badiapassignano.com
  • Chiamaci: (+39) 055.8074006
Il progetto
PROGETTO DI RESTAURO
Progetto di restauro del paramento di facciata, lato nord-est, delle cornici in pietra delle finestre e delle mensole di coronamento

Responsabile per La Congregazione dei Vallombrosani: Abate Generale Giuseppe Casetta
Progetto architettonico: Arch. Giorgio Elio Pappagallo – Piano della sicurezza: Arch. Donatella Duccini

Abbazia di San Michele Arcangelo a Passignano

LO STATO RILEVATO

La facciata posteriore del braccio ovest del monastero, poco interessata dalla profonda ristrutturazione ottocentesca, conserva ancora l'impaginato originale d'epoca rinascimentale. Al piano sottostante la linea dei beccatelli si aprono le finestrelle delle antiche celle del noviziato; a quello sottostante le grandi finestre corrispondenti agli ambienti delle cucine, del refettorio e della sagrestia; nell'ordine più basso le aperture dei vani seminterrati. La muratura di facciata in conci di pietra squadrata, ad eccezione della parte basamentale allargata verso terra, conserva porzioni di intonaco eroso dal dilavamento e sollevato dal supporto.
Tutte le parti lapidee, come i riquadri in pietra delle finestre e i beccatelli di sostegno degli archetti di sommità, risultano interessati da fenomeni di erosione e caduta di materiale. Evidenti e diffuse le patine biologiche ed i depositi superficiali. Gli archetti in laterizio sormontanti i beccatelli, conservano ancora piccole tracce di un intonaco graffito a finto bugnato. Molti archetti presentano lesioni diffuse per rottura o allentamento del supporto murario.

Badia di Passignano - Mappa del degrado
INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO E RESTAURO

Sulle parti lapidee delle finestre e dei beccatelli si procederà con il consolidamento mediante applicazioni localizzate e ripetute di silicato di etile, realizzazione di imperniature con barre di vetroresina per le parti minaccianti il distacco e contemporanea colatura all’interno delle fessurazioni di araldite; seguirà la stuccatura del quadro fessurativo, delle commettiture e delle mancanze di piccole dimensioni mediante sigillatura con impasto a base di legante elastomerico fluorurato e pietra macinata idonea per caratteristiche cromatiche e di granulometria.
Sugli archetti in laterizio si prevede la pulizia e sigillatura dei giunti tra gli elementi in laterizio allentati e successiva realizzazione di intonaco ''alla antica''. I piccoli resti d'intonaco graffito tendenti a staccarsi dalla muratura di supporto, saranno conservati e consolidati previa accurata pulitura delle cavità presenti sotto l’intonaco pittorico; Ove sono presenti lesioni passanti per distacco e allentamento degli elementi di supporto si prevede la rimozione preventiva dell'intonaco ammalorato e la sostituzione degli elementi degradati e non perfettamente stabili.

Badia di Passignano - Interventi di consolidamento e restauro